Questo articolo vuole essere una guida su come creare una calotta da soli, che siate truccatori o cosplayer o lavorate nel mondo del teatro questo strumento è una base molto utile per trasformare la vostra testa senza dovervi rasare a zero. 😉

Le calotte sono molto utilizzate nel mondo degli effetti speciali, sia per fare dei makeup effetto pelato, sia usate come base per appiattire i capelli e avere una superficie su cui attaccare delle protesi, una maschera, o anche una parrucca.

Materiali e strumenti che vi serviranno:

  • Una testina rossa, detta Bald Cap Mold
  • Cap plastic: alcuni nomi commerciali sono Glatzan, Baldiez o Super Baldiez
  • Solvente per il cap plastic (che sarà o acetone puro o alcol isopropilico, a seconda di quale tipo avete acquistato)
  • Talco o cipria
  • Pennelli economici
  • Un barattolo in vetro o metallo
  • Se il vostro budget ve lo permette: un aerografo

Prima di passare al procedimento è necessario spendere due parole sul tipo di materiale che volete utilizzare per creare una calotta.
Nella lista dei materiali ho citato solo il cap plastic, ma è possibile fare un calotta anche in lattice o in silicone, il Baldiez è giusto la via di mezzo per qualità e costo.
A seconda dell’utilizzo che vorrete fare della calotta potete scegliere se farla in Baldiez (che si scioglie con acetone) o Super Baldiez (che si scioglie con alcol isopropilico).

Se avete acquistato una cap plastic di un marchio diverso da quelli citati (e di conseguenza con un nome diverso) assicuratevi di sapere quale solvente bisogna utilizzare leggendo le indicazioni sulla confezione.

 

Procedimento

Iniziamo diluendo il nostro Baldiez nell’acetone per renderlo liquido e poterlo stendere con facilità. Se lo stenderete a pennello diluite 1 parte di cap plastic e 2 parti di acetone (rapporto 1/2), mentre se volete usare l’aerografo il rapporto è 1 parte di Baldiez e 5 o 6 di Acetone (rapporto 1/6 – deve essere sufficientemente liquido per poter passare attraverso il puntale senza ostruirlo).

Fatto questo il lavoro è piuttosto semplice, spennellate il composto sulla testina rossa in maniera uniforme, poi lasciare asciugare completamente lo strato e ripetete il passaggio per almeno 3 o 4 strati.

Per controllare lo spessore usate un ago o uno stecchino e sollevate un angolo della calotta, rilasciandolo si dovrebbe sentire un “tic” simile ad uno schiocco di dita.

Se non avete esperienza provate prima a fare dei piccoli fogli di cap plastic su una superficie liscia per vedere quanti strati vi servono a raggiungere uno spessore sufficientemente resistente.
Attenzione però, se farete troppi strati la vostra calotta sarà troppo spessa e difficile da sciogliere e sfumare sulla vostra pelle, perciò vi consiglio di restare attorno ai 4 strati.

Una volta terminata la stesura iniziate a rimuovere la calotta partendo dai bordi e salendo piano fino al centro della testa.
Sollevate un angolo e con un pennello morbido passate del talco sulla porzione che state staccando. Aiutatevi con il pennello e il talco, strisciandoli sotto la calotta e separandola dalla testina.

È un processo che richiede pazienza e precisione, soprattutto per evitare strappi e pieghe, perciò prendetevi il vostro tempo e non mettetevi fretta!

 

come creare una calotta

 

Dove trovare i materiali

Una delle domande che spesso mi viene posta riguardo ai materiali per effetti speciali è proprio dove trovare i materiali per iniziare. Quindi eccovi l’elenco e i link di dove ho acquistato i miei:
La testina – detta bald cap mold – è di Kryolan, acquistabile qui.
Il Baldiez / bald cap plastic l’ho acquistato tramite Antichità Belsito
L’acetone puro lo trovate in qualsiasi ferramenta

 

In questo articolo ho cercato di spiegarvi come creare una calotta partendo da zero, ma se non sono stato chiaro vi prego di farmelo sapere con un commento qui sotto. Nei prossimi articoli vi farò vedere anche come applicarla, sfumarla sulla vostra pelle e come colorarla.

Non dimenticate di seguirmi suoi miei social per sapere quando pubblicherò un nuovo articolo.
Facebook e Instagram.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here