Il sangue finto è senza dubbio il prodotto più conosciuto negli effetti speciali. Se ne trovano di tantissimi tipi diversi, dal più liquido al più gelatinoso, dal più scuro al più chiaro, in polvere, in crema, lucido o opaco… E sicuramente ci sono anche altrettanti modi di applicarlo per creare effetti e texture diversi.
Qui ve ne elenco 5 di quelli che di solito uso per creare effetti realistici, ma ovviamente ogni applicazione camibierà in base al look che si sta cercando di raggiungere.

Un piccolo consiglio prima di arrivare alla lista, non esagerate con il sangue! Si rischia di compromettere la credibilità del makeup e di nascondere protesi o trucchi ben fatti.

  1. A pennello

    Ovviamente partiamo dal classico, con il pennello imbevuto di sangue possiamo controllare bene il liquido nella direzione della nostra ferita. Consiglio di usare un pennello molto sottile e stendere il sangue in maniera omogenea su tutta la superficie del taglio, dato che spesso questi prodotti tendono a spostarsi e accumularsi nelle fessure più profonde.
    In alternativa si può usare un cotton fioc, ma personalmente lo trovo meno pratico.

  2. Splattering

    Uno dei metodi più amati per realizzare texture tipo getto.
    Prendete un vecchio pennello, meglio se dalle setole dense e corte, imbevetelo di sangue finto e con un dito strisciate su di esso facendo schizzare il sangue nell direzione che volete.
    Provate prima su un foglio o una superficie che non vi interessa sporcare, perché può essere piuttosto disordinato, e potreste rovinare un bel makeup!

  3. Sangue in polvere

    Più che un metodo quello che vi voglio consigliare qui è un prodotto. Il sangue in polvere è un cosmetico particolare che si presenta come se fosse una cipria trasparente, ma una volta bagnato o spruzzato con dell’acqua si colora di rosso sembrando del sangue che esce dalla vostra pelle.
    L’effetto è molto particolare ed è spesso usato nel cinema in quelle scene dove l’attore deve tagliarsi e deve vedersi del sangue che esce dalla ferita.
    Potete vederlo all’opera in questo video: “Blood, Blood, or Blood: What’s the Difference?”

  4. A tampone

    Con tampone si intende una serie di strumenti come una stippling sponge, una spatola, o un pezzo di carta accartocciato.
    Questo metodo è utile per rompere l’aspetto artificioso del sangue posizionato a mano, ed è anche ottimo per toglierne l’eccesso in caso abbiate esagerato con il prodotto.

  5. A GAVETTONE

    Avete capito bene. Prendete una tinozza, riempitela di sangue e buttatela addosso al vostro cliente o attore!
    … Scherzi a parte, meglio usare un pennello o le vostre dita… intingeteli di liquido o applicatelo a caso su chi dovete insanguinare, a volte può essere utile anche farlo fare direttamente all’attore. Ottimo per effetto tipo “strisciata della mano insanguinata“, o sangue che è gocciolato addosso.

 

Ovviamente quelli elencati sono degli spunti. Solitamente si usano molte tecniche diverse combinandole per ottenere un effetto più realistico possibile.
Per fare queste foto ho utilizzato il sangue finto F/X Blood di Kryolan (tonalità Dark).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here